up
sushiecoca
Alta, bella e cazzara.
Bilancia ma mai bilanciata.
Non ho filtri, solo cartine.
2 note
24 Luglio
Reblog

E allora mettiamoci d’accordo e partiamo insieme, Azzu!
azzumel

6 note
24 Luglio
Reblog

Ultimamente ho notato che questo è il periodo più apatico della mia vita, e sarà la disoccupazione, la crisi, tutto lo schifo che ci gira intorno. O forse è la spiegazione che mi sono voluta dare, non lo so. Non piango quasi più, neanche ai concerti, dove prima sembravo una teiera rovesciata. Non piango più, mi sento strana.

Stamattina mi è capitato di piangere, invece, e non credo di aver finito. Ho un blocco dentro devastante, ho voglia di spaccare tutto e andarmene via, lontano, in solitudine. Ho voglia di galleggiare a pancia in su, in mare, sul lago, mentre piove. Voglio un po’ di tempo per me, per liberarmi.
Mi sento come un cane al guinzaglio legato a una panchina.

[ 6146 ]
— 23 Luglio
► Reblog

(Fonte: k-ur-o)

[ 5106 ]
— 23 Luglio
► Reblog

tarkovskologist:

Dreams (1990) dir. Akira Kurosawa

4 note
22 Luglio
Reblog

È devastante l’odio che ho per Pino Daniele e la sua voce da citofono rotto, l’ho sempre detestato da uscire pazza e quando sento una sola nota di una sua canzone sfaso come una falena che sbatte contro tutto. Mi fa lo stesso effetto dell’acqua santa sul diavolo, ma c’è una canzone che mi strega completamente e che probabilmente è una delle mie preferite in assoluto italiane e non, e ora che mia madre mi sente ascoltarlo mi sfotte con tutti, davanti a tutti, dai mamma affitta la piazza e un palco e anche una letterina magari che presenti la serata ‘Sfottiamo Beatrice’ DAI DAI E VISTO CHE CI SIAMO RACCONTA ANCHE TUTTE LE MIE DISAVVENTURE E VERGOGNE INFANTILI DAI

[ 5 ]
— 22 Luglio
► Reblog
[ 110 ]
— 22 Luglio
► Reblog
3 note
22 Luglio
Reblog
— Mecca.

Io credo che ognuno di noi abbia una ‘mecca’, un luogo che non ha mai visitato e che prima o poi raggiungerà, che in un certo senso ci fa sembrare come se appartenessimo a questo luogo da sempre.

La mia mecca è sempre stata Los Angeles, per una serie di svariati motivi. Non sono stati tanto Beverly Hills 90210 o Il Principe Di Bel Air a influenzarmi, quanto il mio essere completamente invasata (e forse anche seriamente, a livelli da dovermi far vedere da qualcuno) di musica, soprattutto degli anni ‘70 e ‘80. E ai quei tempi, LA è stato il nido di tutto ciò di cui mi sono innamorata poi.
Nel mio viaggio a Los Angeles, non perderò tempo nei Victoria Secret’s, o nei negozi di abbigliamento o in chissà che cazzo attira le ragazze di mezzo mondo. Probabilmente a Los Angeles destinerò almeno tre giorni da Amoeba Records, cenerò al Rainbow sulla Sunset Strip, piangerò sui suoi tavoli e non lo so, passerò tutte le mie sere al Whisky a Go Go. E boh, farò avanti e indietro sulla Sunset e sulla Ocean Avenue di Santa Monica. A piedi.
Comunque io a LA non ci sono neanche mai stata e magari necessito di un programma migliore, ma quando e se mai ci andrò, sarò come l’ultimo pezzo di un puzzle perfettamente congruente allo spazio rimasto. 

[ 3 ]
— 21 Luglio
► Reblog
- B:Vabbè ora vai dritta, siamo quasi arrivate
- N:Okay
- B:Cazzo! Era la prima a destra. Vabbè fai retro che tanto non c'è nessuno in corsia
- N:..Santo Dio, meno male che non hai la patente
[ 164 ]
— 21 Luglio
► Reblog
Paul.

Paul.